:title:

CAPO II

Autonomia didattica e organizzativa, di ricerca, sperimentazione e sviluppo

Art. 3 

(Piano dell'offerta formativa)

  1. Ogni istituzione scolastica predispone, con la partecipazione di tutte le sue componenti, il Piano dell'offerta formativa. Il Piano è il documento fondamentale costitutivo dell'identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell'ambito della loro autonomia.
  2. Il Piano dell'offerta formativa è coerente con gli obiettivi generali ed educativi dei diversi tipi e indirizzi di studi determinati a livello nazionale a norma dell'articolo 8 e riflette le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico della realtà locale, tenendo conto della programmazione territoriale dell'offerta formativa. Esso comprende e riconosce le diverse opzioni metodologiche, anche di gruppi minoritari, e valorizza le corrispondenti professionalità. 
  3. Il Piano dell'offerta formativa è elaborato dal collegio dei docenti sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal consiglio di circolo o di istituto, tenuto conto delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi e dalle associazioni anche di fatto dei genitori e, per le scuole secondarie superiori, degli studenti. Il Piano è adottato dal consiglio di circolo o di istituto.
  4. Ai fini di cui al comma 2 il dirigente scolastico attiva i necessari rapporti con gli enti locali e con le diverse realtà istituzionali, culturali, sociali ed economiche operanti sul territorio. 
  5. Il Piano dell'offerta formativa è reso pubblico e consegnato agli alunni e alle famiglie all'atto dell'iscrizione.

Il POF esplicita quindi la programmazione d’Istituto in merito alle scelte formative, didattiche e pedagogiche e alle modalità della loro attuazione, la programmazione educativo-didattica; ne fa parte il PAI , Piano annuale per l’inclusione, che per ciascun anno scolastico pianifica le azioni, il monitoraggio e la valutazione delle attività educative destinate agli alunni con Bisogni educativi speciali(BES).

 

 

L’IDENTITÀ DEL NOSTRO ISTITUTO È CAMBIATA NEL TEMPO LA STORIA DELL’ISTITUTO

 

1962 - Il nostro istituto nasce nel 1962 con la denominazione di “Istituto Tecnico Femminile “Salvator Ruju”, con due indirizzi, Indirizzo Generale e Indirizzo Dirigenti di Comunità

Col tempo la proposta formativa si è ampliata e modernizzata e l’Indirizzo Generale è stato sostituito dal corso   P.A.C.L.E. (Periti aziendali e corrispondenti in lingue estere), non più presente da diversi anni.

1994  -  Nel 1994 è stato istituito il Liceo Scientifico sperimentazione “Brocca” Indirizzo   Biologico.

1998 - Nel 1998 il Ministero della Pubblica Istruzione, accogliendo le richieste più volte avanzate dalla Scuola, cambia la denominazione da “Istituto Tecnico Femminile” in “Istituto Tecnico per Attività Sociali” (ITAS).

2010-2011 - Con l’inizio dell’anno scolastico 2010-2011 prende avvio la riforma degli ordinamenti emanata con i DR 87/2010(Istituti Professionali) e DR 88/2010(Istituti Tecnici) con la quale sono stati istituiti i seguenti Corsi: 

  • Ordinamento Tecnico, Settore tecnologico, Indirizzo Biotecnologie Chimica e Materiali, diviso nelle articolazioni Ambientale e Sanitario in sostituzione del Liceo Scientifico sperimentazione “Brocca”
  • Ordinamento tecnico, Settore economico, Indirizzo Amministrazione finanza e marketing in sostituzione del corso  Dirigenti di Comunità , articolazione “Relazioni Internazionali per il marketing” in sostituzione del  corso    P.A.C.L.E(periti aziendali e corrispondenti in lingue estere 

   2011-2012– In tale anno scolastico è stato attivato nell’ambito dell’Ordinamento professionale, settore Servizi,  l’indirizzo Socio-Sanitario, che consente di conseguire il Diploma di Tecnico dei Servizi Sociosanitari

  

   2012-2013– In questo anno il I Biennio del Biotecnologico prosegue nel II biennio  con le due Articolazioni del  Corso  Biotecnologico:  ØAmbientale

  • Sanitario.

   2014-2015 - è stato attivato nell’ambito dell’Ordinamento professionale, settore Servizi,  l’indirizzo Socio-Sanitario, il percorso di istruzione  per gli adulti di secondo livello che consente di conseguire il Diploma di Tecnico dei Servizi Sociosanitari  . 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.